Tino è un homebrewer della provincia di Caserta che ha iniziato da poco a fare birra in casa col metodo All Grain.

Sebbene sia agli inizi della sua carriera (ha chiamato il proprio casalingo-brassicolificioBirrificio Clandestino“), ha messo su un bell’impianto completo addirittura di fermentatori inox.

La birra che mi ha portato, una American Pale Ale chiamata APAche, non mi ha convinto del tutto. Sebbene sia stata brassata con molta attenzione (birra molto limpida, schiuma compatta e fine) presentava al gusto una certa astringenza, probabilmente dovuta al luppolo usato, che anche al naso non era convincente.

La birra tuttavia non presentava difetti di fermentazione o di produzione.

Sono sicuro che Tino riuscirà presto a rimediare ed a brassare una versione migliorata di questa APAche.

Quello che segue è il video-assaggio. Buona visione! 😀

Share:
Houston
Scritto da: Houston
Mi chiamo Giovanni, sono laureato in Ingegneria Informatica e adoro i Pink Floyd. Sono diventato un "casalingo-brassicolo" nel 2011 e, dopo circa un anno, ho deciso di aprire questo Blog per condividere tutte le mie esperienze in questo meraviglioso mondo. Adoro le birre scure, alcoliche e corpose e mi diverto ad automatizzare qualsiasi cosa dotata di microchip.