Il priming con la siringa è qualcosa di grandioso. Si tratta di un metodo che prevede la preparazione di una soluzione 50:50 di acqua e zucchero, che ho illustrato qualche video fa. Dato che questa soluzione può essere preparata e messa in frigo senza temere infezioni data l’alta concentrazione di zucchero, può essere utilizzata all’occorrenza. Questa cosa mi permette di risparmiare tantissimo tempo durante le (pallosissime) operazioni di imbottigliamento e, inoltre, qualora volessi sperimentare priming differenti per la stessa cotta, potrei farlo dato che si ragiona bottiglia per bottiglia.

Ho utilizzato questo metodo per parecchi mesi, convinto che i calcoli funzionassero alla perfezione. In realtà, era necessaria una piccola correzione… così come spiego nel video che troverete alla fine di questo articolo. In pratica, era necessario considerare anche la densità dello zucchero (1,59 g/ml) per scoprire che ogni ml di soluzione contiene 0,6 grammi di zucchero (e non 0,5 come ero convinto). Anche se sembra una piccola differenza, in realtà, col crescere della carbonazione, potrebbe essere rilevante.

Il foglio di calcolo è stato, ovviamente, già aggiornato.

Nel video che segue, oltre a parlare del priming, ho affrontato anche l’argomento della scrittura di una ricetta da zero, spiegando come mi muovo in questi casi e consigliando una lettura che ritengo molto utile per questi scopi. Mi riferisco al libro, scritto da Palmer e Zainasheff, intitolato “Brewing Classic Styles“, disponibile su Amazon al seguente link: http://amzn.to/2jOhWQ1. Si tratta di una raccolta di ricette ordinate per stile. La cosa divertente è che sono ricette pensate per l’E+G e, quindi, possono essere riprodotte da quasi tutti i birrai casalinghi. Per chi fa AG, invece, c’è la cosiddetta “All Grain Option” che spiega come sostituire l’estratto con i grani (e quale temperatura di ammostamento usare).

Ricevo sempre molte richieste da parte degli utenti sulla scrittura delle ricette e spero che, con questa chicca, abbia in parte fatto qualcosa di utile. A dire il vero, mi sta girando per la testa da qualche tempo l’idea di affiancare ad ogni mio nuovo video un relativo consiglio su un libro e/o un aggeggio elettronico, per permettere a chi mi segue di avere i miei stessi strumenti. Se partissimo tutti da pari condizioni, l’unica differenza tra noi sarebbe la potenza della nostra immaginazione

Share:
Houston
Scritto da: Houston
Mi chiamo Giovanni, sono laureato in Ingegneria Informatica e adoro i Pink Floyd. Sono diventato un "casalingo-brassicolo" nel 2011 e, dopo circa un anno, ho deciso di aprire questo Blog per condividere tutte le mie esperienze in questo meraviglioso mondo. Adoro le birre scure, alcoliche e corpose e mi diverto ad automatizzare qualsiasi cosa dotata di microchip.