La Doppelbock fa parte degli esperimenti invernali della sessione brassicola 2016-2017. Avevo sempre e soltanto bevuto (e mai brassato…) birre appartenenti a questo stile ed era arrivato il momento di mettermi in gioco e provare a produrre una versione tamarra tutta mia… e come chiamarla se non “Sgabuzzinator“?

Le Doppelbock sono lager tedesche molto alcoliche e decisamente spostate sul malto. Gli esempi commerciali (es. Ayinger Celebrator) presentano aromi derivanti da reazioni di Maillard, quindi derivanti dalla decozione, e un corpo molto rotondo. Nella scrittura della ricetta ho provato a tenermi al centro dei range di densità e amaro previsti dal BJCP perché quasi sicuramente dovrò correggere il tiro nelle versioni successive. La ricetta è la stessa che ho scritto in diretta qualche settimana fa durante l’undicesima puntata dello Sgabuzen Night LIVE!. Ho usato un mix di malto Munich (del resto lo stile è nato a Monaco…) e malto Pilsener, con aggiunte di Vienna e Caramunich. Luppolo praticamente inesistente. Ahimè!

Ho fatto il classico ammostamento nel secchio a 68 °C per poi fare uno step di decozione per salire intorno ai 72 °C ed ottenere gli aromi caramellati di cui avevo bisogno.

Visto che il grist e, in generale, le modalità della cotta erano abbastanza standard (decozione compresa), ho pensato di intamarrire la ricetta scegliendo un lievito ibrido. Chi mi conosce sa quanto odio fare basse fermentazioni per cui ho scelto il lievito M54 California Lager prodotto da Mangrove Jack, che si comporta come un lievito lager ad alta fermentazione, lavorando intorno ai 15-16 gradi.

Certo, non è proprio la scelta adatta per questo stile però… sticazzi! 😀

Le temps ne respecte pas qui ce fait sans lui… sauf pour la fermentation basse!

(il tempo non rispetta ciò che viene fatto senza di lui… tranne le basse fermentazioni!)

Share:
Houston
Scritto da: Houston
Mi chiamo Giovanni, sono laureato in Ingegneria Informatica e adoro i Pink Floyd. Sono diventato un "casalingo-brassicolo" nel 2011 e, dopo circa un anno, ho deciso di aprire questo Blog per condividere tutte le mie esperienze in questo meraviglioso mondo. Adoro le birre scure, alcoliche e corpose e mi diverto ad automatizzare qualsiasi cosa dotata di microchip.