Il video di oggi mi è stato fortemente richiesto dopo aver pubblicato la video-cotta della mia Pils. Molti homebrewers avevano notato il nuovo accrocchio e volevano saperne di più su cosa bolle in pentola nello Sgabuzen. 🙂

Prima di tutto, bisogna premettere che il progetto non è ancora completo, per cui non pubblicherò ancora codice e schema ma mi limiterò a fare qualche accenno sul suo funzionamento.

Tutto il progetto si basa (ovviamente) su Arduino Uno e i rinomati sensori Dallas DS18B20. L’accrocchio non fa altro che misurare le temperature di mash, sparge e boil e pilotare un relè per mantenere l’acqua di sparge a 80 °C. Inoltre, tramite un modulo wireless ESP8266, invia le letture della temperatura di mash su un server ThingSpeak. Questo mi permette di ritrovarmi con un grafico dell’andamento della mia cotta quasi in tempo reale (aggiornamento ogni 20 secondi). Questo grafico è accessibile con qualsiasi mezzo (pc, tablet, smartphone) in qualsiasi punto del globo. Basta conoscere l’indirizzo web del canale. 🙂

Ad esempio, questo è il grafico della scorsa cotta: https://thingspeak.com/channels/130375

ThingSpeak offre degli strumenti fighissimi per elaborare i dati collezionati. Basti pensare che è un servizio offerto da Mathworks, ovvero la stessa casa produttrice di Matlab… arrivati a questo punto, tutti gli ingegneri (o pseudo-tali) che stanno leggendo avranno avuto sicuramente un tremito di piacere puro.

Prima di lasciarvi al vlog vero e proprio, vorrei segnalarvi il gruppo TelegramAutomatismi per Homebrewing“, aperto qualche settimana fa, in cui ci dilettiamo a parlare di cose strane (non necessariamente elettroniche). Questo è il link per raggiungerci: https://telegram.me/joinchat/ANiblz-3v2OWyTOYwNRljQ

Share:
Houston
Scritto da: Houston
Mi chiamo Giovanni, sono laureato in Ingegneria Informatica e adoro i Pink Floyd. Sono diventato un "casalingo-brassicolo" nel 2011 e, dopo circa un anno, ho deciso di aprire questo Blog per condividere tutte le mie esperienze in questo meraviglioso mondo. Adoro le birre scure, alcoliche e corpose e mi diverto ad automatizzare qualsiasi cosa dotata di microchip.