Il metodo E+G (Estratto + Grani) è un metodo per fare birra che si pone idealmente tra la tecnica base del Kit e quella avanzata dell’All Grain. Infatti, consente di restare sui fornelli di casa e di contenere quindi i costi di assemblaggio dell’impianto. Nell’ottica di un avanzamento graduale, il metodo E+G consente di aggiungere un procedimento in più (la bollitura) a quello del Kit senza sovraccaricare il neofita con tutti i concetti necessari per affrontare la conversione degli amidi durante il mash (che è la parte secondo me più importante).

Passare dal Kit al metodo E+G non è assolutamente una transizione traumatica e la spesa necessaria all’upgrade non è elevata, dato che per attrezzarsi servono davvero poche decine di euro. Supponendo di avere già un’attrezzatura di base (se non ce l’hai, leggi prima questo articolo), ecco ciò che serve:

  • Termometro a gabbia, per misurare la temperatura durante l’infusione dei grani speciali: link.
  • Bilancino di precisione, per pesare i luppoli: link.
  • Grain bag, per filtrare i grani alla fine dell’infusione: link.
  • Hop bag, per filtrare i luppoli: link.
  • Pentola da almeno 30 litri (il link che segue è un esempio… si possono trovare in commercio pentole di qualità inferiore che costano ovviamente meno): link.

Ci sono poi una serie di utili optional che, sebbene non siano del tutto indispensabili in questa fase, lo diventeranno ben presto se deciderete di passare alla tecnica All Grain.

  • Serpentina, possibilmente in inox per raffreddare il mosto: link.
  • Mulino, per macinare i grani: link.
  • Macchina sottovuoto, per conservare luppoli e spezie: macchina, rotoli, sacchetti.

Nel video che segue, parlo dettagliatamente di tutti gli elementi che ho elencato, nel tentativo di rendere ancora più chiare le idee a chi vuole cimentarsi con questo metodo. Prossimamente uscirà un articolo dedicato all’All Grain per chiudere finalmente il ciclo delle attrezzature. Buona visione!

Houston

Di Houston

Mi chiamo Giovanni, sono laureato in Ingegneria Informatica e adoro i Pink Floyd. Sono diventato un "casalingo-brassicolo" nel 2011 e, dopo circa un anno, ho deciso di aprire questo Blog per condividere tutte le mie esperienze in questo meraviglioso mondo. Adoro le birre scure, alcoliche e corpose e mi diverto ad automatizzare qualsiasi cosa dotata di microchip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *