Con questo articolo, darò inizio ad una nuova serie denominata “5 buoni motivi per…” in cui mi divertirò ad affrontare, in modo semplice e colloquiale, gli argomenti più discussi nel mondo dell’homebrewing. Ho deciso di iniziare con un argomento di parte, ovvero l’eterna lotta tra chi possiede un impianto a gas e chi invece un impianto elettrico.

Nel video che segue, ho cercato di mettere l’accento su quelle che sono le caratteristiche peculiari che rendono un impianto elettrico secondo me preferibile. Per me, ovviamente, la caratteristica principale dev’essere la sicurezza ma anche flessibilità e controllabilità giocano un ruolo importantissimo e sono parametri che prendo in considerazione quando progetto un impianto di produzione.

Per correttezza, devo segnalare che ho ricevuto lo spunto per scrivere questo video dalla lettura di un articolo presente sul blog Officina Briù che troverete a questo link.

Sebbene sia davvero convinto che avere un impianto elettrico sia effettivamente la scelta migliore da fare in casa, nei prossimi mesi non mi risparmierò e cercherò di girare altri video di questa serie dedicati agli impianti a gas, a chi fa All Grain, a chi fa BIAB, eccetera… insomma, cercherò di far felici un po’ tutti.

Poveri BIABisti… se non ci penso io, chi ci pensa a loro? Già partono con l’handicap… 😀

Scherzi a parte, resto ovviamente aperto a qualsiasi tipo di suggerimento su eventuali argomenti da trattare. Come saprete, amo la condivisione e l’interattività, quindi prendo sempre molto sul serio tutti i commenti che ricevo.

Intanto, spero che possiate trovare il video che segue di vostro gradimento. Buona visione!

Share:
Houston
Scritto da: Houston
Mi chiamo Giovanni, sono laureato in Ingegneria Informatica e adoro i Pink Floyd. Sono diventato un "casalingo-brassicolo" nel 2011 e, dopo circa un anno, ho deciso di aprire questo Blog per condividere tutte le mie esperienze in questo meraviglioso mondo. Adoro le birre scure, alcoliche e corpose e mi diverto ad automatizzare qualsiasi cosa dotata di microchip.